I Sette Regni

Come muro naturale tra l’Impero Cremisi e il Reame Demoniaco si erge la Grande Catena, una sconfinata catena montuosa invalicabile, miti e leggende parlando di un reame nanico antico quanto la stessa razza, e di un villaggio misterioso situato tra le montagne, ma accedere alla Grande Catena è anche più difficile e pericoloso rispetto alla mortale traversata della foresta dorata.

L’unica strada che collega i due immensi Regni quindi è la strada dorata, una via fatta di antiche pietre gialle che attraversano sette piccoli regni sulla costa orientale del continente: I Sette Regni.

Regno di Avalon:
Capitale: Emerald.
Simbolo: Leone d’oro

Il regno più meridionale dei sette, i suoi confini partono dalle Porte d’Ebano fino alla foresta di Nirva, coprendo quindi tutte le pianure meridionali. Come estensione geografica è il regno più vasto, toccando a oriente la Grande Catena e a Occidente il mare, confina con i regni di Nirva e le lande di Holdast.
La sua capitale, la città di Emerald, è famosa per le sue mura di smeraldo e il castello di magi-pietra, emerald è riconosciuti da tutti come la capitale della Magia. La sua popolazione è prevalentemente elfica.
Fino a pochi decenni fa Avalon era una repubblica oligarchica, governata dalle principali famiglie Elfiche, ma di recente questi clan hanno concesso a una misteriosa donna di salire sul trono del leone Dorato, elevandola a Colonna di Avalon come unica sovrana.

Il regno di Avalon è famoso anche per la recente guerra contro il Regno di Nirva, dove ha riportato una schiacciante vittoria, in quella battaglia apparve per la prima volta la misteriosa figura di Lord Grafht, primo generale delle tre armate di Avalon e consigliere personale della Regina.

Regno di Nirva:
Capitale: Villaggio nascosto di Orga.
Simbolo: Serpente di smeraldo

Il regno di Nirva sta vivendo una profonda crisi, a causa della recente guerra contro il regno di Avalon, che lo ha visto pesantemente sconfitto. Questo regno si estende principalmente il territori montuosi, le aree più meridionali e occidentali sono invece fitte di foreste e laghi.
La sua capitale, Orga, era un villaggio impossibile da trovare senza il consenso delle Ombre, un corpo di guerrieri esperti di guerriglia il cui scopo era depistare i curiosi, facendoli perdere nell’insidiosa foresta di Nirva, tuttavia le Ombre furono sterminati dai misteriosi sacerdoti rossi di Lord Grafht , e Orga fu conquistata e devasta. Oggi giorno solo pochissimi membri delle Ombre, in fuga, sono sopravvissuti al massacro, mentre la popolazione di Orga, composta quasi totalmente da Elfi Oscuri, è impegnata nei lavori di ricostruzione, sotto il gioco di pesanti imposte da parte di Avalon, sia in natura monetaria, sia con il fiorente mercato degli schiavi.

Landa di Holdast:
Capitale: -
Simbolo: Toro di Rubino

La landa di Holdast è il regno più anomalo dei sette, non a caso nemmeno Avalon ha marciato contro di lui, Holdast non ha capitale, così come non ha città, difatti la popolazione di questo regno vive suddivisa in dodici tribù erranti, nomadi signori del cocente deserto di Holdast.
In passato vi erano numerose città, simbolo dell’antica dinastia nanica occidentale, ma ormai poco rimane di quei luoghi, che offrono solo segreti e morte ai più curiosi.
Una volta all’anno i dodici capotribù si riuniscono nell’unico luogo abitato e fisso della Landa, il villaggio Fantasma di Eretas, un piccolo villaggio costruito all’ombra della Torre Fantasma, una antica rovina nanica.
Durante questo evento vengono presentati dagli anziani eventuali nuovi capitribù e viene eletta la Colonna di Holdast, colui che sarà capo dei capi. La popolazione di Holdast è composta principalmente da nani e umani,

Regno di Aragona:
Capitale: Aragona
Simbolo: Drago di Avorio ed Ebano.
Il regno di aragona è sicuramente il peggior nemico per Avalon, si estende a nord di Nirva, il suo territorio è montuoso a oriente ed è composto da immense praterie a occidente, ma la vera meraviglia di questo regno è la sua capitale, la città di Aragona, conosciuta anche come Dente di Drago. una città bianca che si alza su tutto il lato della montagna, come una lama titanica che si innalza dalla terra, in cima si trova il “Nido”, il castello dove risiedono il re e la regina di Aragona, il dio drago Bahamuth e la sua regina, la dea drago Tiamath. Inoltre il Nido funge anche da caserma per l’Ordine dei Dragonieri.

Di recente, nel regno di Aragona, si sta sviluppando anche il villaggio di Holfur, dopo la liberazione della Rocca del Drago dal Vampiro Neclord, la torre è tornata abitabile e il villaggio sta crescendo sempre più.

Isola di Giada:
Capitale: Kyokyo
Simbolo: Tartaruga di Giada
L’Isola di giada è di certo il più misterioso e chiuso dei Sette Regni, per anni i rapporti con questa isola a estremo occidente si sono l’imitati all’incontro della colonna, ma per il resto si sa poco e nulla. L’isola di Giada ha un passato molto importante, fortemente attaccata alle tradizioni, la sua gente, dal più umile dei contadini al più importante dei suoi “Samurai”, ha come motto il “raggiungere la perfezione” in ogni cosa.
L’Isola di Giada ha affrontato, intorno al 300 D.C. (Dopo Chaos) una tanto violenta quanto epica guerra contro il Reame Demoniaco. Una guerra che si concluse con un Duello entrato ormai nelle Leggende.

La guerra tra i due regni si stava prolungando all’infinito, da un improvviso assalto demoniaco, l’Isola di Giada, famosa per la sua difesa assoluta, riuscì non solo a fermare l’assalto, ma a conquistare la penisola meridionale del regno demoniaco. Ma a quel punto la situazione si era ribaltata, per quanto assoluta, la disciplina marziale dei Samurai di Giada non poteva reggere al chaos incarnato del reame demoniaco. Fu per questo che Re di Giada decise di attribuire a un grande Eroe, il Samurai Shun, il comando. Tuttavia, a guidare l’orda demoniaca in nome dell’Imperatrice Bambina vi era il gran Demone Baal, un guerriero formidabile, un maestro saggio e onorevole. I due generali, conoscendo la fama del proprio avversario, decisero di incontrarsi, e divennero presto amici. Sapendo che nessuno dei due poteva trionfare sull’altro senza un costo di vite umane e demoniache spropositato, decisero di assumere il ruolo di diplomatici e stipularono una tregua.
Ma la guerra andava conclusa, così i due sovrani proposero ai due generali di concludere la guerra con un duello, il vincitore avrebbe stipulato il Regno vincente e il possesso della penisola meridionale del Regno demoniaco.
Tuttavia avvenne una cosa sconvolgente, nessuno sa ancora il motivo, ma il giorno del duello, Shun si rifiutò di estrarre la spada cerimoniale che lo stesso Re di Giada gli aveva donato, nonostante Baal lo spronasse a combattere, egli alzò la testa al cielo, mostrando il collo, il Demone allora, decise di ferire il Samurai senza ucciderlo, proclamando davanti all’Imperatrice Bambina “Così ho ucciso il suo cuore di guerriero, mia Signora”.
La vittoria del reame demoniaco non causò tuttavia grossi sconvolgimenti, l’Imperatrice Bambina, sotto il consiglio dell’allieva di Baal, Desdemona, permise agli umani di rimanere nella regione, e utilizzò il suo potere per alleviare le correnti del Caos.
Il Samurai Shun fu invece esiliato dall’isola, fu privato del titolo di Samurai dal Re di Giada, furioso. Da allora non si seppe più nulla di lui.

Kyokyo, la capitale del Regno, è composta principalmente dal palazzo reale, le sue mure, alte e imponenti, sono protette da una potente barriera magica il cui cuore è la stessa stanza del Re di giada.
Il resto dell’isola è principalmente composta da una foresta di Bambu e grandi risaie, gestite dai contadini dei numerosi piccoli villaggi dell’isola.

Ultimo Regno:
Capitale: Westmister
Simbolo: Il Cervo d’ambra

Immagine.png

L’Ultimo Regno è il più recente dei sette Regni, tanto da non avere un propria colonna, difatti questo regno prende parte alla decisione della colonna di Foresta Dorata.
Composto principalmente da Grandi praterie, l’Ultimo Regno ha come capitale la giovane città scuola di Westmister, sede della grande scuola per avventurieri.
Westmister è anche famosa per essere la “città sul ponte”, difatti il 90% della città, oltre essere occupata dalla famosa scuola, è situata sull’unico ponte che unisce l’Ultimo Regno al Regno di Aragona. Andando verso Nord, non si troveranno altre città fino alla Foresta Dorata, l’ultimo centro abitato difatti sarà il villaggio di Poronoru.

Foresta Dorata:
Capitale: Villaggio Kikoru
Simbolo: La Volpe di platino
La Foresta Dorata prende tale nome a causa delle foglie dei suoi alberi secolari, perennemente di una graduazione di colore che varia dal giallo al rosso scuro, si dice che in questa foresta, che separa i sette Regni dal reame demoniaco, vivano due antiche e misteriose razze; i Kokiri e le Navil, che si prendono cura delle piante, degli animali della foresta e dei viandanti. Tuttavia la Foresta non è priva di pericoli, se si esce dalla protezione delle fate e degli elfi bambini, si possono incontrare gli elfi perduti, conosciuti anche come Gorgoni o Bestie del caos, creature tanto letali quanto assurde.

L’ultimo avamposto abitato nella foresta è il villaggio di Kikoru, il villaggio degli elfi bambino, situato alla base dell’albero maestro, i Kokiri difatti costruiscono le loro dimore attorno e all’interno degli alberi più grandi, mentre sulla cima di questi è situata la città delle Navil, ma, a causa delle loro dimensioni, nessun’altra razza intelligente è in grado di visitarla.

Città Volante di Shevat:
Capitale: -
Simbolo: L’albero del cosmo

La città volante di Shevat è una reliquia dei tempi del mito, di quando il mondo viveva grazie al potere della tecnologia. Shevat è una colossale isola volante che sorvola i sette regni, non ha difatti una posizione geografica fissa, il che la rende molto difficile da localizzare.
Inoltre la città volante è i grado di elevarsi a una quota estremamente alta, rendendo impossibile raggiungerla con velivoli e magie.

Shevat è l’unica città già presente ai tempi del mito, al punto che vi sono pergamene in cui la regina Zephyr stipula dei termini di alleanza con Caino, il primo imperatore Cremisi.
Shevat inoltre fu in passato un forte nemico del regno Demoniaco, alleata dell’antico Regno di Nisan (un regno che si estendeva per tutto i Territori di Avalon, Nirva, Holdast, Aragona e Ultimo regno), tuttavia fu la città volante a chiudere la guerra e a causare la caduta del suo alleato.
Molti credono che su Shevat la popolazione sia composta principalmente da Angeli, tuttavia è comprovato che questa credenza sia fasulla, la città non ha una razza dominante tra i suoi cittadini.
L’unico angelo attualmente registrato nella città è la Regina Zephyr, immortale colonna della città.

I Sette Regni

Cronache dei Sette Regni Diil